SuperMercato

Gdo, ultima settimana di febbraio a -9,76%. Ma è davvero tutto come previsto, in questo tonfo?

L’arrivo della controcifra sui dati eccezionali del 2020 era atteso. E i dati Nielsen lo certificano, per la seconda settimana di fila: tra il 22 e il 28 febbraio gli acquisti nei supermercati italiani sono diminuiti del 9,76% rispetto allo stesso periodo del 2020. Nulla di inaspettato, si dice: dodici mesi fa la pandemia iniziava a diffondersi in tutto il Paese.

Il dato è pesante e coinvolge tutto il Paese. Lombardia, Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta fanno segnare -10,84%. Leggermente più contenuti i dati di Toscana, Marche, Umbria e Lazio (-9,58), di Trentino Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna (-9,21%) e di Abruzzo, Molise, Puglia, Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna (-8,33%).

Ma non è tutto normale, perché in realtà siamo ancora in piena emergenza, sebbene febbraio abbia visto accendersi qualche luce gialla qua e là. E’ vero, 12 mesi fa c’è stato un vero e proprio assalto ai supermercati accelerato dall’inimmaginabile, dalla totale incertezza di qualcosa di mai visto, dalla paura e impossibilità di uscire di casa. Oggi la situazione è diversa, senza dubbio, ma i ristoranti aprono poco o niente secondo il colore e si continua a mangiare tantissimo a casa e a fare molto smart working. I dati Nielsen, confrontati con lo stesso periodo del 2019, mostrano alcune cose interessanti, che contribuiscono in parte a rispondere a queste domande: il giro d’affari è cresciuto del 6,0%, l’e-commerce ha triplicato il peso nel largo consumo, passando da una quota dello 0,8% al 2,4%, la Mdd incide oggi per il 28,7% (+1,2%) e i discount sono cresciuti ancora dell’1,5%, raggiungendo una quota del 20,2%. Ci sono dunque molti fattori in gioco, che stanno rendendo teso il quadro generale: l’esplosione dell’e-commerce (che ha visto ancora una volta Esselunga uscire con un primato, tra le insegne tradizionali), il rimescolamento generale dei canali di approvvigionamento e la crisi. Non bastano certamente i ristori o il blocco di licenziamenti a fermare le difficoltà e l’erosione di posti di lavoro: dalle dimissioni con buonuscita dei colossi a tutti i posti precari persi, passando per il sommerso e il lavoro nero.

I player della Gdo avevano già pianificato le loro contromosse, a colpi di promozioni sempre più spinte e senza soluzione di continuità: sottocosto, sconti del 10% sulla spesa totale, offerte sulle grandi marche e così via. Ma lo sforzo sembra non bastare ad assorbire l’urto e rischia anche di sfiancare i concorrenti in quella che potrebbe essere una marcia più lunga del previsto. Impossibile restare fermi, difficile capire quale strada percorrere.

il Diario di un Lockdown di Esselunga

A proposito di Esselunga, la storia di quest’anno e del primo lockdown la racconta proprio un video dell’insegna, pubblicato in questi giorni, che raccoglie anche molte testimonianze di dipendenti dei punti vendita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *