latteria perenzin
trasformazione & dintorni

Trofeo San Lucio: vince Latteria Perenzin con il formaggio Capra, Fava Tonka e Vermouth

Il trofeo San Lucio 2021 va a Luca Longo (foto), casaro di Latteria Perenzin, con il formaggio Capra, Fava Tonka e Vermouth. E’ questo il verdetto della Supergiuria dell’edizione 2021 del CaseoArt – Trofeo San Lucio, concorso organizzato da Asso Casearia Pandino, che ha assaggiato tutti i 24 formaggi finalisti selezionati dai Maestri assaggiatori Onaf.

Il Capra, Fava Tonka e Vermouth di Perenzin ha sbaragliato la concorrenza di ben 204 formaggi in gara, prodotti da oltre 150 tecnici casari, convincendo i giudici della Supergiuria, cui ha partecipato anche Insiderdairy insieme a dirigenti Onaf e tecnici caseari. Il trofeo San Lucio, il più tecnico tra i concorsi del settore, ha l’obiettivo di promuovere la qualità sensoriale dei formaggi e di valorizzare il contributo delle risorse umane espresse dai tecnici caseari e prende il nome dal santo protettore dell’arte casearia.

Latteria Perenzin: “Il frutto di un lavoro di squadra”

Soddisfazione, ovviamente, in casa Perenzin. Sulla sua pagina Facebook, l’azienda ha scritto: “Il nostro formaggio Capra, Fave Tonka e Vermouth è il frutto di un lavoro di squadra: Luca Longo il casaro, Matteo Piccoli che lo ha affinato, Erika Piccoli e Riccardo Tonon che lo hanno ideato. Bravi tutti! Siamo felicissimi!” Il premio è stato consegnato al Castello di Pandino nella giornata di ieri, 20 giugno, dalle mani del direttore del concorso, Daniele Bassi, insieme a tutti gli altri riconoscimenti per i 24 finalisti di questa edizione del Trofeo San Lucio.

Il nostro giudizio sul formaggio Capra, Fava Tonka e Vermouth

Il formaggio di Latteria Perenzin, assaggiato senza conoscere il nome del produttore, come tutti gli altri 24 candidati valutati dalla Supergiuria tecnica, ci ha personalmente convinti fin dal primo momento in cui lo abbiamo annusato e guardato. Sentori morbidi e delicati, perfetta la stagionatura e la cura del formaggio. All’aspetto, si caratterizza subito per la bellissima crosta, che reca eleganti tracce dell’affinamento con Fava di Tonka e Vermouth, e per una pasta bianca e liscia, solo leggermente occhiata. L’assaggio è una vera esperienza sensoriale: tutto è perfetto in questo formaggio. Il latte di capra e la lavorazione sono sublimati dall’affinamento, che non sovrasta il gusto del formaggio ma esalta tutta la raffinata delicatezza della materia prima, e anche la stagionatura è al punto giusto, ideale per assaporare appieno le note dolci ed equilibrate di questa piccola creazione dell’arte casearia e dell’altrettanto importante capacità di portare a maturazione i formaggi.

A San Lucio anche la cerimonia di investitura di 59 neo-assaggiatori Onaf

Al termine  della premiazione del Trofeo San Lucio c’è stata un’altra cerimonia: l’investitura, con rito ufficiale, dei 59 neo-assaggiatori di formaggio che hanno frequentato i corsi Onaf di Cremona e Pandino e superando brillantemente l’esame di finale. L’investitura ha previsto anche la consegna dei diplomi e la firma nel registro, che permette agli assaggiatori di iscriversi all’albo. L’evento si è tenuto alla presenza del vicepresidente nazionale Giuseppe Casola, del maestro assaggiatore e delegata provinciale di Bergamo Grazia Mercalli, del membro del consiglio direttivo nazionale Daniele Bassi e della delegata provinciale di Cremona Emanuela Denti. La delegazioni di Cremona, nel corso della cerimonia, ha anche comunicato di aver candidato Pandino come Città del Formaggio, in considerazione della presenza sul suo territorio della Scuola Casearia e di numerosi caseifici che producono diversi formaggi, tra cui il Salva Cremasco Dop e il Taleggio Dop.

One thought on “Trofeo San Lucio: vince Latteria Perenzin con il formaggio Capra, Fava Tonka e Vermouth

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *