enti & istituzioni

Il ‘Senza’ non è un similare: così il Parmigiano chiude il caso Bertinelli

Il Senza, formaggio prodotto con caglio vegetale dall’azienda di Nicola Bertinelli (foto), non è un similare del Parmigiano Reggiano. Pertanto non vi è alcuna incompatibilità fra la carica di presidente e la sua produzione. E’ questa la conclusione cui è giunto ieri il consiglio di amministrazione del Consorzio di tutela del Parmigiano Reggiano in ordine alla vicenda dei similari del grana Dop, sollevata dalla puntata di Report del 3 gennaio, dopo l’istruttoria condotta sul formaggio dell’azienda Bertinelli durata oltre sei ore.

Il Comitato esecutivo e il Consiglio di amministrazione hanno lavorato con i consulenti del Consorzio e con la supervisione del Collegio sindacale deliberando che, non esiste alcuna violazione delle norme dello statuto. Questa la nota diffusa al termine dell’incontro: “Si è riunito oggi, a Reggio Emilia, il Consiglio di Amministrazione del Consorzio Parmigiano Reggiano. A seguito della messa in onda della trasmissione televisiva Report, si è resa necessaria un’istruttoria per verificare che il formaggio Il Senza, prodotto dalla famiglia Bertinelli di proprietà del presidente Nicola Bertinelli non fosse da considerare un formaggio “similare” in concorrenza con la Dop Parmigiano Reggiano. Il Comitato esecutivo e il Consiglio di amministrazione hanno lavorato con i con i consulenti del Consorzio e con la supervisione del Collegio sindacale e hanno deliberato che, sulla base delle evidenze, non esiste alcuna violazione delle norme dello statuto in quanto il formaggio Il Senza, prodotto dall’entrata in carica del presidente (aprile 2021), non appartiene alla medesima categoria merceologica della Dop Parmigiano Reggiano”.

Un pronunciamento che pone fine anche all’autosospensione dalle cariche ricoperte a livello provinciale, regionale e nazionale in Coldiretti che era assunta da Bertinelli come atto di responsabilità e trasparenza. Ma il pronunciamento contiene molti aspetti interessanti anche in ordine ai temi che, da sempre, contrappongono Dop e similari perché pone l’accento su ciò che differenzia e caratterizza i formaggi e non sul fatto di appartenere, genericamente, alla stessa famiglia. I formaggi realizzati senza caglio animale, ad esempio, non sono sovrapponibili ai grana Dop poiché offrono un prodotto diverso e con caratteristiche diverse, che segue richieste dei consumatori differenti da quelle dei prodotti con certificazione Dop. Ogni consumatore sceglie il proprio formaggio, tanto più quando si tratta di grana in un paese dove questo formaggio fa spesso parte della dieta quotidiana. Qualunque sia la leva che lo spinge verso l’acquisto, il consumatore sceglie. Ed è questa facoltà di scelta che dovrebbe orientare il mercato e le strategie, anche dei consorzi, piuttosto che la battaglia per eliminare dal mercato fastidiosi concorrenti che propongono ciò che talvolta le Dop non possono offrire, come nel caso del caglio vegetale nei grana.

One thought on “Il ‘Senza’ non è un similare: così il Parmigiano chiude il caso Bertinelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *