SuperMercato

“Fate il super per noi vecchietti”: l’appello dei clienti dell’ex Simply di via Novara, a Milano

Da qualche giorno, sulle vetrine ormai in abbandono dell’ex Simply di via Novara 15, campeggia un cartello che recita: “Signori, fate il super per noi vecchietti”. L’appello è firmato, in calce, da decine di persone, ex clienti della struttura che ha chiuso definitivamente i battenti a maggio 2021. Composto da un supermercato e da una galleria di negozi, lo store di via Novara è stato smantellato in due tempi: prima, a settembre 2020 è stata la volta del Simply poi, a maggio 2021, con un preavviso di 13 giorni, hanno chiuso tutti gli altri punti vendita. Dopo aver chiesto gli spazi di Arcaplanet, chiuso dal 30 aprile, la proprietà aveva infatti comunicato il 7 maggio ai punti vendita che ancora sopravvivevano all’interno del centro commerciale, tra cui un tabaccaio, un bar e una lavanderia, l’obbligo di lasciare vuoti i loro negozi entro il 20 maggio. Qualunque fosse l’acquirente e il suo progetto – si parlava con insistenza di Aldi – i tempi erano strettissimi, segno della volontà di iniziare al più presto i lavori per la nuova apertura. Così, almeno, credevano tutti. Poi sono passati i giorni, le settimane e anche i mesi. All’inizio si è visto qualcuno all’opera, poi più nulla. Racconta una delle titolari dei negozi in galleria: “Siamo in contatto con un agente immobiliare che si occupa del Simply. È da febbraio che ci dicono che arriverà qualcuno. E ogni volta che li chiamiamo ci dicono di ricontattarli dopo tot giorni e poi è la stessa frase. Arriverà qualcuno ma non si sa ne chi ne quando. Io mi auguro per noi e per chi si forniva dei servizi all’interno che arrivi qualcosa al più presto”.

E così, stanchi di non avere notizie e dopo un’altra raccolta di firme organizzata nel quartiere, è arrivato il cartello affisso sulle vetrate di via Novara. A cui qualcuno ha aggiunto la frase: “Hai ragione, anche per i non vecchietti”. L’area, in realtà, è già presidiata da alcuni supermercati: l’Esselunga di via Morgantini, a 550 metri; l’Esselunga di via Novara, a 700 metri; il Carrefour di p.le Siena, a 1 km e il Pam di via Forze Armate, a 950 metri. Ma questa struttura sorge proprio nel cuore di un quartiere molto popoloso e, oltre ai 2.500 metri quadrati del vecchio Simply, offriva anche diversi altri servizi di prossimità, come la lavanderia, il tabaccaio o il calzolaio. Servizi che evidentemente ai clienti mancano, in assenza di valide e vicine alternative. “Chi dice di prendersi l’autobus dimostra di non capire l’importanza di un servizio così importante per le persone più fragili”, commenta sconsolato un abitante del quartiere. Mail silenzio, al momento, sembra essere l’unico commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *