danone
trasformazione & dintorni

Danone: 43 milioni di euro per trasformare un caseificio in un sito di produzione di bevande vegetali

Danone convertirà lo stabilimento lattiero caseario di Villecomtal-sur-Arros, in Francia, in un sito dedicato alla produzione di bevande vegetali Uht, in particolare di avena, a marchio Alpro. L’operazione, che richiede un investimento di 43 milioni di euro, ha l’obiettivo di cogliere tutte le opportunità di crescita offerte dall’apprezzamento dei consumatori verso i prodotti a base vegetale. Secondo le ultime previsioni, questo mercato crescerà infatti di un ulteriore 50% entro il 2025, in Francia. “Stiamo registrando un grande entusiasmo dei consumatori per le ricette vegetali, che costituiscono una soluzione semplice per coloro che desiderano adottare una dieta più varia e diversificata”, ha spiegato François Eyraud, amministratore delegato di Danone Fresh Products France. Il nuovo progetto consentirà all’azienda di aumentare la capacità di produzione delle bevande vegetali di oltre il 25% entro il 2024. La struttura, ubicata nel Sud della Francia, lavorerà per rifornire il mercato francese e quello europeo in generale. Le operazioni di conversione inizieranno nell’autunno 2022 mentre le prime bevande a marchio Alpro prodotto nello stabilimento saranno sul mercato a partire dal secondo trimestre 2023. La nuova produzione, secondo Danone, dovrebbe inoltre consentire una riduzione del 70% dell’impronta di carbonio dello stabilimento. Per Danone quello delle alternative vegetali è ormai un business di primaria importanza. Solo qualche settimana fa il colosso ha ampliato il portafoglio delle alternative vegetali al formaggio con il lancio di tre nuovi prodotti senza latticini, a marchio ‘Follow Your Heart‘: mozzarella, chetar e bleu Cheese.

Ma gli investimenti non si esauriscono con lo stabilimento di Villecomtal-sur-Arros.Danone, infatti, prevede di destinare ulteriori 24 milioni di euro ai suoi siti di Bailleul (Hauts De France), Paysde Bray (Normandia) e Saint-Just-Chaleyssin (Auvergne Rhône-Alpes), per aumentare la loro capacità di produzione dei lattiero caseari freschi principalmente per i marchi Danone, Activia, Danette e Light & Free.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *