enti & istituzioni

Brexit, rinviati al 2022 i nuovi certificati sanitari per gli agroalimentari

Per la seconda volta, il governo britannico ha deciso di ritardare l’applicazione, nel Regno Unito, di alcuni elementi dei nuovi controlli introdotti dopo Brexit per i prodotti agroalimentari, soprattutto quelli relativi alle merci sanitarie e fitosanitarie. Le scadenze sono state posticipando al 2022, con diverse tempistiche secondo il tipo di adempimento. A pesare, in questa decisione, sono le difficoltà legata alla pandemia e le loro ripercussioni sulla logistica, che si aggiungono a quelle legate a Brexit, e che stanno causando diverse difficoltà nell’approvvigionamento dei prodotti alimentari.

In sintesi, l’obbligo di pre-notifica delle importazioni agroalimentari sarà introdotto il 1° gennaio 2022, invece che 1° ottobre 2021 come era previsto. I nuovi requisiti per i certificati sanitari di esportazione, saranno introdotti il 1° luglio 2022 invece del 1° ottobre 2021 mentre i certificati fitosanitari e i controlli fisici sulle merci SPS ai posti di controllo alla frontiera saranno attivi dal 1° luglio 2022 invece che dal 1° gennaio. Stesse tempistiche anche per il requisito delle dichiarazioni di sicurezza sulle importazioni, che sarà sarà introdotto a partire dal 1° luglio 2022.

Brexit: le nuove scadenze per l’agroalimentare in dettaglio

Prodotti biologici
I prodotti biologici importati in Gran Bretagna dall’Ue richiederanno un certificato di ispezione (Coi) dal 1° luglio 2022 (annullata la scadenza del 1° gennaio 2022).

Hrfnao – Alimenti e mangimi ad alto rischio non di origine animale
Dal 1° luglio 2022, le esportazioni di Hrfnao devono:

  • essere pre-notificate sul sistema Ipaffs dall’importatore;
  • essere accompagnate da certificato sanitario (annullata scadenza del 1° gennaio 2022);
  • entrare in Gran Bretagna attraverso un posto di controllo frontaliero (Bcp) in modo che possano essere sottoposti a controlli documentali e, se necessario, di identità e fisici.

Soa (Sottoprodotti di origine animale)
Dal 1° luglio 2022, i prodotti Soa devono:

  • essere pre-notificate sul sistema Ipaffs dall’importatore;
  • essere accompagnate da certificato sanitario (annullata scadenza del 1° ottobre 2021). Nel caso in cui non fosse disponibile un certificato sanitario per la merce, occorre contattare Apha in quanto i prodotti possono viaggiare sotto licenza e con documento commerciale;
  • entrare in Gran Bretagna attraverso un punto di ingresso stabilito con un posto di controllo frontaliero appropriato (Bcp).

Animali vivi
Gli animali vivi devono entrare in Gran Bretagna presso un posto di controllo frontaliero (Bcp) dal 1° luglio 2022 per controlli documentali, d’identità e fisici (annullata la scadenza originaria del 1° marzo 2022).

Poao (prodotti di origine animale)
Le merci Poao elencate nei regolamenti devono entrare in Gran Bretagna dall’Ue attraverso un posto di controllo frontaliero (Bcp) dal 1° luglio 2022 (annullata la scadenza del 1° gennaio 2022).

Prodotti composti
A partire dal 1° luglio 2022 (annullata la scadenza del 1° ottobre 2021) per esportare prodotti compositi dall’Ue è necessario il certificato sanitario. Per la parte vegetale contenuta nei prodotti composti non è richiesto certificato fitosanitario.

2 thoughts on “Brexit, rinviati al 2022 i nuovi certificati sanitari per gli agroalimentari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *