Extra

Mercato trade: la domanda va in vacanza

Altra settimana di semivacanza sul mercato trade con una domanda, invece, già completamente in vacanza, secondo l’analisi degli esperti di Assocaseari. Sul mercato nazionale il latte crudo lunedì e martedì veniva trattato a 0,38 euro/kg e mercoledì anche fino a 0,40 euro/kg ma non oltre. Sono molti i produttori che lo vendono se viene richiesto, altrimenti lo lavorano. Poca offerta di crema di qualità e questo ne agevola la vendita, seppur a prezzi intorno al bollettino. Latte scremato trattato a 0,20 euro/kg. Sui mercati esteri il calo delle produzioni si fa sentire su determinati prodotti ma, per il momento, non tanto sui liquidi con il latte crudo offerto a 0,38/039 euro/Kg reso Nord Italia. La panna ad inizio settimana veniva scambiata a 1,80/1,81 euro/kg. ma è poi salita fino a 1,88 euro/Kg. Lo scremato anche all’estero viene trattato tra 0,19/0,20 euro/Kg. I suddetti prezzi si intendono franco arrivo Nord Italia con un costo di trasporto che incide tra 5 e 10 euro/Ton.

Burro: bollettini in ribasso, tranne in Francia

Il bollettino del burro di Kempten ribassa il minimo di 0,10 euro/Kg, oggi 3,70 euro/Kg. Invariato il massimo, a 3,90 euro/Kg, con un prezzo medio di 3,80 euro/Kg. L’Olanda ribassa di 0,05 euro/Kg, portandosi anche lei a 3,80 euro/Kg, come la Germania. La Francia continua imperterrita a indicare il prezzo dei sogni, lasciando invariato a 4,20 euro/Kg che certo con il mercato non ha niente a che vedere. Se la media a due è a 3,80 euro/Kg ecco che quella a tre è 3,933 euro/Kg. I bollettini tedesco e olandese sono più che mai allineati ai mercati dove vi sono offerte di burro di centrifuga tedesco o polacco a 3750-3800 euro/Ton reso Nord Italia.

Polveri, mercato trade: pochissima disponibilità di merce

In Germania e in Olanda ribassano i bollettini del latte scremato in polvere sia per uso alimentare che zootecnico. In Francia invece il latte scremato aumenta così come aumenta il latte intero in polvere, che invece resta invariato in Germania e diminuisce in Olanda. Come accennato all’inizio e malgrado i bollettini siano calanti, vi è minor disponibilità di merce rispetto a qualche settimana fa. Il mercato rispetta solo in parte questo andamento; è si possibile trovare delle offerte anche inferiori a euro 2.500 euro/Ton. Se però si cerca merce di qualità e con le varie certificazioni i prezzi vanno subito intorno a 2600 euro/Ton con anche pochissima, in alcuni casi nulla, disponibilità. I bollettini del siero in polvere diminuiscono notevolmente in Francia che però era a prezzi vecchi e poco in Germania. Invariato invece quello olandese.

One thought on “Mercato trade: la domanda va in vacanza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *