trasformazione & dintorni

Primo bilancio per Caseifici Granterre: crescono fatturato, export e marginalità

E’ tempo di primo bilancio per Caseifici Granterre, che chiude un primo esercizio nettamente in positivo dopo l’unione fra Parmareggio e Agriform. A crescere sono tutti gli indicatori: fatturato, export e marginalità. Nel dettaglio, come scrive Il Resto del Carlino, i ricavi delle vendite e delle prestazioni si attestano a circa 610,8 milioni di euro, con un aumento di 65 milioni rispetto allo stesso perimetro del 2020, al netto della quota riconducibile al ramo d’azienda ‘Agriform’. Quadro positivo anche per le vendite all’estero, che si sono attestate a quota 185,9 milioni di euro e rappresentano oggi il 33,9% del fatturato di Caseifici Granterre. Rispetto al 2020, i volumi venduti sul mercato estero hanno registrato una crescita del 19,4%.

Entrando nel dettaglio dei vari brand, si confermano importanti le vendite dei prodotti a marchio Parmareggio e Parmissimo, che chiudono il 2021 con un fatturato che sfiora i 190 milioni di euro, con una crescita del 6,7% rispetto ai 12 mesi precedenti. L’export, in questo caso, ha raggiunto i 39,5 milioni di euro. Hanno performato molto bene anche tutti i prodotti confezionati a marchio Agriform, il cui fatturato netto ha raggiunto i 23,6 milioni di euro, con una crescita record del +26,4 per cento rispetto al 2020. Bene anche i volumi, che sono cresciuti del 18,5%. Senza dubbio, l’azienda guidata da Ivano Chezzi, di cui Nisio Paganin è vicepresidente, beneficia della sinergia fra le due realtà che costituiscono Caseifici Granterre, cioè Parmareggio e Agriform, creando il più grande polo per la produzione di formaggi duri Dop. L’operazione infatti ha legato due aziende molto solide nei loro core business, una più orientata a lavorare con il proprio marchio direttamente sul consumatore (Parmareggio) e l’altra storicamente più legata alla private label, sopratutto dei formaggi duri (Agriform), oltre ad unire due importanti portafogli prodotti, sopratutto in chiave export, con un allargamento di gamma che comprende il mondo del parmigiano reggiano, quello del grana padano e i tipici veneti, a cominciare dall’Asiago.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.