SuperMercato

Despar: nuova governance per il Gruppo 3 A, che gestisce 154 punti vendita del Nordovest

Cambio della guardia al vertice del Gruppo 3A di Asti (composto dalla holding Cooperativa 3 A, dal Centro 3 A e da Punto 3 A) che gestisce i 154 punti vendita Despar in Piemonte, Liguria, Valle D’Aosta e provincia di Varese: Federico Arnolfo è il nuovo presidente della capogruppo, Cooperativa 3A. Santo Cannella, per 44 anni alla guida del Centro 3A, nodo operativo del Gruppo, passa il testimone a Marco Fuso che assume il ruolo di presidente. Al suo fianco i consiglieri Gianluca Bortolozzo e Maurizio Bolle. Le nuove cariche assegnate agli imprenditori piemontesi diventano esecutive dopo l’approvazione nell’assemblea del 29 maggio, alla presenza degli associati e di Filippo Fabbri, direttore generale Despar Italia.

“L’intervento di Filippo Fabbri alla nostra assemblea conferma il valore e l’importanza che il Gruppo 3A riveste all’interno di Despar Italia, un marchio che sintetizza la sua visione nel motto “dalla cooperazione armoniosa tutti traggono vantaggio in ugual modo” che condividiamo e perseguiamo – commenta il neo presidente Federico Arnolfo -. Proprio attraverso un lavoro di squadra, infatti, puntiamo a rafforzare il posizionamento del marchio in tutto il nord Italia”. Non a caso l’assemblea ha ospitato anche Fabrizio Cicero, responsabile affiliati di Aspiag, Gruppo che gestisce 565 punti vendita Despar, Eurospar e Interspar nei territori del Nordest, in Emilia Romagna e Lombardia, con eccezione di Varese.

Despar, la nuova governance: “Puntiamo a incrementare la presenza nei comuni più piccoli”

Ma quali sono gli obiettivi della nuova governance? “Miriamo a incrementare la nostra presenza nei comuni più piccoli, dove giochiamo un importante ruolo di servizio e di presidio, che si traduce in impegno sociale, in vicinanza alle persone e alla comunità – spiega Marco Fuso -. Vogliamo quindi sostenere il contesto in cui operiamo: i localismi e le eccellenze del territorio sono infatti al centro della nostra proposta commerciale, insieme al prodotto a marchio Despar, sempre più apprezzato e ricercato dal consumatore per qualità e convenienza”.

Il cambio fa parte di un cammino avviato tre anni fa, quando il Gruppo 3A ha preso in gestione in esclusiva i supermercati a insegna Despar del Nordovest. Da allora i consiglieri del Gruppo sono scesi da 27 a 13, in ottica di snellimento dei processi decisionali e di contenimento dei costi. Le nuove nomine rappresentano un segnale di cambiamento e di volontà di crescita del Gruppo 3A, e quindi di Despar, in termini di fatturato e di presidio del territorio, che già oggi vanta numeri importanti. Nel 2021 il fatturato alle casse è stato di 160 milioni di euro, stabile rispetto al 2020, ma in crescita del 10% sul 2019; 105 milioni il valore della produzione (ovvero la somma degli elementi che hanno contribuito alla produzione economica, compreso il fatturato); oltre il milione e mezzo il risultato d’esercizio, sempre in ascesa nell’ultimo triennio.

Lo staff, circa 1.500 persone, è ripartito nei 154 punti vendita nelle province di Torino, Cuneo, Aosta, Imperia, Savona, Genova e Varese, fra Despar Express, Despar ed Eurospar, in base alle dimensioni (rispettivamente fino a 200 mq, da 200 a 750, oltre i 750), cui si aggiunge il centro distributivo di Asti: 34.000 metri quadrati su 4 piattaforme, più il distaccamento della piattaforma surgelati a Volpiano in out-sourcing, che lavorano in “AxB” ovvero: l’ordine registrato entro le ore 12 del giorno A viene consegnato il primo mattino del giorno B, 6 giorni su 6, e 7 su 7 in Liguria in alta stagione.

In foto, da sinistra: Federico Arnolfo, Filippo Fabbri, Marco Fuso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.