enti & istituzioni

Grana Padano mai così bene da 10 anni, all’estero. E c’è un nuovo piano strategico

Otto paesi e 16,1 milioni di euro per presidiare le più importanti fiere del food and beverage.
Dove concentrare, tra il 2022 ed il 2024, la quota maggiore di investimenti in comunicazione, che nel complesso solo quest’anno saliranno appunto a 16,1 milioni di euro, su un budget complessivo di 34,5, il più alto mai stanziato dal Consorzio tutela Grana Padano. Questa nuova strategia è il frutto del piano messo a punto da Kpmg, che punta a potenziare i consumi attraverso il riposizionamento del prodotto e una rivisitazione delle metodologie di investimento promozionale. “Veniamo da due anni controversi, dove i consumi domestici, anche all’estero, hanno assorbito il crollo dell’Horeca – spiega Renato Zaghini, presidente del Consorzio tutela Grana Padano – La tendenza tuttavia si è attenuata, ma non fermata, tanto che sui mercati esteri il Grana Padano Dop ha registrato, nel 2021, la migliore performance dell’ultimo decennio, con un aumento complessivo del 7,07%“.

La top ten dei paesi dove si consuma la Dop è sempre guidata dalla Germania, con 581mila forme esportate, seguita dalla Francia, con più di 256mila, e dagli Stati Uniti, dopo la fine dei dazi, con 171mila. Il tasso di crescita maggiore tra i paesi principali importatori si è registrato in Belgio, con +22,23% e 97mila forme vendute. “È stato esportato il corrispettivo di 2.240.000 forme, da 37,5kg, – aggiunge il direttore generale del Consorzio, Stefano Berni – che equivale a circa il 44% del prodotto marchiato consumato lo scorso anno”. Quanto alla produzione resta da capire, dopo aver aumentato la penetrazione del Grana Padano nei mercati esteri, cosa faranno le aziende e se il Consorzio sceglierà di intervenire sui quantitativi di riferimento per l’anno in corso.

Export, la nuova strategia del Grana Padano punta sulle fiere di otto paesi, in Europa, Usa e Canada

Un’indagine sui mercati più promettenti e sui risultati raggiunti negli ultimi tre anni è la base da cui è partita la nuova strategia sull’export. “Per questo ci si focalizzerà su otto Paesi in particolare – precisa Berni -. Saranno Germania, Francia, Svizzera, Gran Bretagna, Spagna, Belgio, Usa e Canada”.
Il Consorzio sarà quindi presente nelle più importanti manifestazioni food & beverage dei mercati target. Dopo il successo ottenuto al Winter Fancy Food di Las Vegas, dal 4 al 7 aprile parteciperà con un proprio stand ad Alimentaria, a Barcellona, dove la food influencer spagnola Laura Lopez, utilizzando le diverse stagionature del Grana Padano, realizzerà ricette da gustare anche con gli occhi, mentre i fratelli Colombo saranno i protagonisti di tre show cooking. Dal 20 al 22 aprile il Grana Padano sarà invece al Sial di Montreal, in Canada, in un progetto condiviso con i Consorzi dei Prosciutti di Parma e San Daniele, che farà tappa dal 12 al 14 giugno al Summer Fancy Food a New York. Altre partnership sosterranno le partecipazioni al Prowein di Dusseldorf, dal 15 al 17 maggio con Ascovilo, al Taste of London, dal 15 al 19 giugno con il Consorzio del Prosecco Doc, e al Sial di Parigi insieme ad Afidop, dal 15 al 19 ottobre. Lo stand Grana Padano sarà presente anche all’Iddba di Atlanta, dal 5 al 7 giugno, ed alla Specialty Fine Food Fair, a Londra dal 5 al 6 settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.