SuperMercato

Il Viaggiator Goloso entra in Cargo

Le due aziende l’hanno definita una “esclusiva collaborazione” per celebrare “gusto e design”. Dal nostro punto di vista preferiamo usare le precise parole di Rossella Brenna, ceo di Unes Supermercati: “La perfetta sintesi di contaminazione tra idee e canali per proporre prodotti e soluzioni interessanti”. Così Il Viaggiator Goloso (che afferisce a Unes) e Cargo, storica catena di design molto celebre nel territorio milanese, siglano una partnership che inizia con una selezione di prodotti e specialità natalizie proposte dal primo nei punti vendita del secondo.

Il connubio perfetto. O, come spiega ancora Brenna, “la possibilità offerta ai consumatori di acquistare sia una delle nostre proposte di cibi natalizi, sia di scegliere le stoviglie e gli oggetti per completare l’esperienza culinaria in modo intonato”. E c’è da giurare che avrà seguito la collaborazione che è iniziata con il Natale, celebrata dal brindisi tra i due retailer, che si è tenuto presso il prestigioso Cargo&HighTech in via Meucci a Milano (l’altro più piccolo è in Piazza XXV Aprile).

il viaggiator goloso

Non c’è periodo migliore per abbinare le eccellenze gastronomiche agli oggetti di design come quello natalizio. Così presso i due store di Cargo i clienti scoprire la gamma di Natale firmata da il Viaggiator Goloso: panettoni con varie declinazioni, pandori, strenne ed eleganti cesti gastronomici.

Ma non solo, nei punti vendita Cargo&HighTech saranno presenti anche una selezione di specialità gastronomiche firmate sempre da Viaggiator Goloso e provenienti da produttori selezionati. Tra cui i vini a denominazione d’origine di Grandi Vigne, il brand di Iper, che accompagna le proposte food.

Dal punto di vista di Cargo, si amplia l’offerta centrata principalmente su complementi d’arredo, oggettistica, accessori per la cucina, moda, casalinghi e gadget. In sostanza all’interno di questi due punti vendita si sperimenta una nuova customer journey che lega food e non food, per attuare attività di up-selling e cross-selling tra le due categorie di prodotti.

Il tutto centrato sulla qualità, trait d’union tra le due insegne, insieme con la cucina, il benessere e il vivere bene e sano. Il connubio e la contaminazione non è più, quindi, solo limitata alle categorie merceologiche ma arriva alla strategia comune di ingaggio verso il consumatore, a cui è offerta una proposta di alto profilo al giusto prezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *