trasformazione & dintorni

L’addio a Lorenzo Petrilli

Una notizia davvero triste ha colpito il settore lattiero caseario italiano e non solo: Lorenzo Petrilli se ne è andato, alla fine della settimana appena trascorsa. Malato da tempo, vicepresidente di Assocaseari e broker nel settore lattiero caseario, Lorenzo Petrilli (nella foto) era un grande esperto di questo settore, di cui si occupava con grande passione, in particolare per quanto riguarda il latte, il burro e le polveri. Lorenzo Petrilli era una persona speciale: dotato di grande senso dell’ironia, aveva uno sguardo dolce capace di mettere subito a proprio agio le persone, una speciale sensibilità e un modo semplice ed efficace di condividere il suo sapere. Era capace di comprendere l’altro in pochi istanti e al tempo stesso era affabile e gentile con tutti, sempre curioso di incontrare storie e persone. Anche per me, come per tanti che lo hanno conosciuto, Lorenzo Petrilli è stato un maestro e un amico, di quelli che ti sono vicini nei momenti difficili. Ogni volta che ci incontravamo mi chiedeva delle scalate e delle montagne, e poi mi sgridava per quel vizio delle sigarette che non riesco ad abbandonare. Provai a convincerlo che con quelle elettroniche era tutto diverso ma Lorenzo, sempre con il sorriso, mi prese amabilmente in giro: non ti faceva sconti sulle sciocchezze. Stamattina ne sto fumando un bel po’, Lorenzo, e so che sorrideresti della mia debolezza.

Assocaseari, di cui era vicepresidente e anima da diversi anni, lo ha ricordato con un messaggio del presidente Gianni Brazzale e di Emanuela Denti, Paola Masci, Giorgio Berneri e del consiglio di amministrazione.

Lorenzo Petrilli: il ricordo di Assocaseari

Oggi ci ha lasciati Lorenzo Petrilli, il nostro Presidente ma soprattutto un caro amico. E’ una grandissima perdita, sul piano professionale, ma soprattutto umano. Era amministratore unico della Petrilli Sas dal 2004 e Vicepresidente di Assocaseari dal 2009. Grande esperto del mercato lattiero-caseario mondiale, in particolar modo di burro, latte e polveri, ha sempre messo a disposizione della nostra associazione il suo bagaglio professionale. Era un uomo forte e gentile, intelligente e colto, che amava il suo lavoro e soprattutto sua moglie Paola, che lascia dopo quasi 30 anni di matrimonio.

La tristezza ci assale, abbiamo sperato fino alla fine che potesse riprendersi e tornare in mezzo a noi, ma siamo sicuri che Lorenzo ci stia guardando da lassù e, con un sorriso, ci stia dicendo: “E’ la vita”. Le sue qualità umane, la sua signorilità, il suo buonsenso, la passione per il suo lavoro e l’entusiasmo coinvolgente nel fare le cose, rimarranno ricordi indelebili in noi e in quanti lo hanno conosciuto. I funerali si terranno oggi, lunedì 16 maggio, alle ore 11:00 presso la chiesa di San Vincenzo in Prato, via Daniele Crespi 6, Milano.

One thought on “L’addio a Lorenzo Petrilli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.