numeri, trend, fatti

Osservatorio Confimprese-Ey: migliorano i consumi, ad aprile. Ristorazione a +0,9%

Buone notizie dall’Osservatorio Confimprese-Ey sui consumi di aprile 2022. Il confronto con sullo stesso mese del 2019, anno pre-pandemia, mostra infatti segnali più incoraggianti rispetto a quelli precedenti, con il totale mercato che chiude a -9%. Un trend in miglioramento, dunque, nonostante il quadro attuale, che si lega, secondo l’analisi dell’Osservatorio, a tre fattori: la ripresa del mercato del lavoro, con il tasso di disoccupazione sceso dell’8,5%; i risparmi delle famiglie italiane, che ora sono disposte a spendere per superare le scarsità imposte dal periodo recente e, ovviamente, l’allentamento delle restrizioni sanitarie e l’accantonamento del green pass, che ha fatto riemergere una voglia di normalità che spinge i consumi.

Se si considerano i dati dell’intero primo quadrimestre 2022, rapportati allo stesso periodo 2019, il mercato però perde ancora terreno e chiude a -16% secondo l’Osservatorio Confimprese-Ey. A incidere sulla flessione sono soprattutto i primi due mesi del 2022, segnati dalla recrudescenza del virus, che ha costretto in casa milioni di italiani, e dall’incertezza legata al conflitto in Ucraina. Analizzando i settori merceologici, si raggiungono i livelli pre-pandemia con il retail non food, che chiude il mese di aprile a +4,9% e la ristorazione, a +0,9%. Una boccata d’ossigeno, con un parziale recupero per entrambi i settori, che mostra un cambio di passo. Non c’è ancora ripresa per abbigliamento-accessori, in flessione del -20,1%, anche se si evidenziano segnali di leggero miglioramento rispetto a marzo 2022, che aveva chiuso a -31,1% su marzo 2019.

Nel primo quadrimestre 2022, i dati dell’Osservatorio Confimprese-Ey mostrano un quadro sovrapponibile agli andamenti del mese di aprile con il retail non food a +1,8%, la ristorazione a -6,3% e abbigliamento-accessori a -28,1%. Nei canali di vendita continua il buon andamento dello shopping di prossimità (aree periferiche delle metropoli e cittadine di provincia), che chiude il mese di aprile a +4,4%. Tutti gli altri canali registrano una perdurante flessione. A partire da outlet -17,4%, centri commerciali -16,6% e high street -14,5%, per finire con il travel -16,6%, che prosegue nella fase di leggero recupero, rispetto al forte calo dei due anni passati, iniziata nel mese di marzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.