numeri, trend, fatti

Latte: produzione Ue in calo. Mercato in attesa, anche per il burro. Salgono ancora i prezzi del Grana Padano

Cosa succederà dopo Pasqua? Questa era la domanda della scorsa settimana, che però, secondo l’analisi degli esperti di Assocaseari, non ha ancora trovato una risposta. Se non la considerazione che nei maggiori Paesi europei la produzione di latte resta ben al di sotto di quella degli anni precedenti. Sia i venditori che i compratori stanno ancora riflettendo su come comportarsi. Quanto ai prezzi: latte e burro stabili, crema in leggero aumento. Polveri che sembrano incerte sulla strada da imboccare. Solo i formaggi proseguono negli aumenti. Sul fonte latte, nel mercato europeo crudo intero tedesco trattato a 0,55 euro/kg, scremato a 0,28-0,29 euro/kg partenza. Scarse sia la domanda che l’offerta. Sul mercato nazionale ottima domanda, latte crudo scambiato a 0,535 euro/kg partenza, lo scremato cede leggermente e perde ancora 1 cent. Raccolta stabile, con tassi di grasso e proteine in calo.

Settimana di riflessione per il burro. Sostenuta la crema di latte nazionale

Sul mercato Ue, crema di latte tedesca in leggero aumento, trattata a 3,56-3,60 euro/kg franco arrivo. In Italia, panna nazionale di qualità sostenuta, scambiata a 3,48-2,52 euro/kg. Settimana di riflessione per il burro nei bollettini ufficiali europei. Solo Kempten, dopo i pesanti adeguamenti al rialzo delle precedenti settimane e il ribasso della scorsa settimana, si riposiziona, aumentando di 0,05 euro il minimo, che va a 7,05 euro/kg, e lascia invariato il massimo, a 7,20 euro/kg, media tedesca 7,125 euro/kg. L’Olanda e la Francia stanno ferme, rispettivamente a 7,25 e 7,34 euro/kg. La media a tre di questa settimana è 7,238 euro/kg e quella a due 7,188 euro/kg. La quotazione del burro di centrifuga a Milano resta invariata a 7,07 euro/kg. Dopo Pasqua, nel mercato ancora incertezza, con offerte intorno alla media Europea.

Polveri: ogni paese fa il suo prezzo

I bollettini del latte in polvere questa settimana hanno seguito andamenti differenti nei tre Paesi presi in considerazione. L’intero è calato in Germania, rimasto invariato in Olanda e aumentato in Francia. Lo scremato è diminuito in Germania e Olanda, mentre è aumentato in Francia. Le quotazioni del siero sono calate in Germania e in Olanda, mentre sono rimaste invariate in Francia.

Formaggi: non si ferma la corsa del Grana Padano

Bollettini nazionali dei formaggi in forte aumento per il Grana Padano a Cremona e Mantova, e per il Parmigiano Reggiano 12 mesi a Modena, Reggio Emilia (in questo caso anche il 24 mesi) e Mantova.
Quotazioni medie europee in aumento, con l’Edamer che sale a 4,40 euro/kg, il Cheddar a 3,81 euro/kg, il Guoda a 4,20 euro/kg e l’Emmentaler a 5,16 euro/kg. I prezzi di mercato restano, per l’ennesima settimana, ben più alti, tutti sopra i 5,00 euro/kg.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.