numeri, trend, fatti

Usa, 2021 record per l’export di formaggi (+14%). Import: Francia e Italia principali fornitori

Nel 2021, l’export di formaggi statunitense ha raggiunto il suo record, con oltre 400mila tonnellate, per una crescita del +14% rispetto al 2020, secondo l’analisi Assocaseari del report di Trada Data Monitor. Per quanto riguarda il mese di dicembre, l’aumento è stato del 20% mentre le principali destinazioni sono state il Giappone, seguito da Messico (+16% dic.’21/dic.’20) e Corea del Sud. Le esportazioni di burro, negli ultimi anni generalmente intorno alle 20mila Tons, hanno raggiunto nel complesso le 45mila Tons (+108% rispetto al 2020), cioè il volume più alto dal 2014. Le principali destinazioni sono state Canada, Paesi Mena e Corea del Sud. Positivo anche l’ultimo mese dell’anno, con una crescita del 20%. Le esportazioni di Smp hanno chiuso l’anno in termini complessivamente positivi, +9% rispetto al 2020, sebbene dicembre 2021 sia stato il mese di più debole in termini di volumi, dall’inizio del 2020, con un calo del 5% dic.’21/dic.’20. Le principali destinazioni sono state Messico, Filippine e Vietnam. Anche il siero di latte è diminuito a dicembre: – 26% rispetto allo stesso mese 2020.

Per quanto riguarda le importazioni, invece, il formaggio è calato di nuovo dopo un novembre forte, -12% dic.’21/dic.’20, ma il 2021 è stato nel complesso un anno solido, +14% rispetto al 2020. Francia e Italia sono stati i principali fornitori.

Australia: vola l’export di formaggi verso il Sud-Est asiatico

Dicembre è stato un mese eccezionale per l’export australiano. La Cina, infatti, sta mostrando sempre un maggiore interesse per i prodotti australiani, con spedizioni triplicate rispetto allo stesso mese del 2020. Le esportazioni di Smp e Wmp sono aumentate in modo notevole, rispettivamente del 66% e del 56% dic.’21/dic.’20. Le esportazioni di formaggio verso il Sud-Est asiatico stanno volando. Per quanto riguarda le importazioni, i volumi di formaggio provenienti dalla Nuova Zelanda sono diminuiti di oltre il 50% rispetto al dicembre 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *