enti & istituzioni

Asiago Dop: un premio ai migliori chef che interpretano la tradizione casearia

Gli chef Alfio Ghezzi (del ristorante Senso Alfio Ghezzi di Rovereto), Peppe Guida (Antica Osteria Nonna Rosa di Vico Equense) e Francesco Apreda (The Pantheon Iconic Rome Hotel di Roma) sono i vincitori del premio speciale dedicato ai “Ristoranti con la migliore creazione a base di formaggio” della Guida Ristoranti 2022 del Gambero Rosso, promosso dal Consorzio Tutela Formaggio Asiago. Il premio testimonia concretamente l’importante legame di Asiago Dop col mondo della ristorazione e dimostra quanto la scelta di una denominazione d’origine protetta possa valorizzare il lavoro di ogni chef.

Le nuove esigenze di consumo e le rinnovate sensibilità nell’impiego degli alimenti sono le sfide che la ristorazione è chiamata sempre più ad affrontare. Il Consorzio Tutela Formaggio Asiago fa da apripista a questi cambiamenti con un progetto di collaborazione col mondo della ristorazione, favorendo la trasparenza e la sicurezza delle materie prime impiegate in cucina. Con l’istituzione, nella Guida Ristoranti 2022 del Gambero Rosso, del premio speciale dedicato al ristorante che ha saputo promuovere al meglio l’identità casearia del nostro Paese, il Consorzio dell’Asiago valorizza queste nuove sensibilità e la scelta di prodotti del territorio.

In foto: Fiorenzo Rigoni, presidente Consorzio Tutela Formaggio Asiago con i premiati. Crediti immagine: Francesco Vignali Photography

Asiago Dop: tre anni, 600 ristoranti, 80 serate a tema, oltre 300 ore di formazione

L’obiettivo del progetto #siasiagodop del Consorzio, che coinvolge la ristorazione, è affrontare la stagione di rilancio del “fuori casa” con un percorso di collaborazione e un articolato piano capace di valorizzare la Dop, creando reti di relazioni basate sul confronto e la reciproca conoscenza tra produttori di Asiago, ristoratori, chef e clienti. Caratterizzato anche da un hashtag dedicato, #siasiagodop, dove la parola Sì sta proprio ad indicare la volontà del Consorzio di esprimere e testimoniare un atteggiamento positivo, comprende azioni concrete a fianco del mondo della ristorazione, un supporto e una presenza costante. Importanti i numeri: il progetto coinvolgerà oltre 600 ristoranti su tutto il territorio nazionale, con 80 serate a tema e degustazioni e un’attività formativa di oltre 300 ore, dedicate a più di 1200 persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *