trasformazione & dintorni

Galbani taglia del 15% la plastica delle mozzarelle Santa Lucia Tris, dal 2022

Novità sostenibile per la mozzarella Galbani Santa Lucia Tris, prima referenza del mercato formaggi a volume e valore: dal 2022 il pack conterrà il 15% in meno di plastica. La novità, che coinvolge tutti i formati tris della marca del Gruppo Lactalis, dovrebbe consentire un risparmio di circa 100 tonnellate di plastica in un anno, secondo le stime dell’azienda elaborate sulla base degli attuali consumi di Santa Lucia Tris. E in effetti, i numeri di cui si parla sono significativi. Ogni anno, in Italia, si vendono oltre 30 milioni di confezioni Tris di mozzarella Galbani Santa Lucia, scelta da circa 12 milioni di famiglie. E, fra tutti i formati, il Tris è quello preponderante poiché rappresenta l’80% dei volumi delle mozzarelle Santa Lucia.

Si tratta di una novità destinata a incrociare un trend in crescita: nell’ultima edizione dell’Osservatorio Immagino di GS1 Italy, che ha rilevato le informazioni presenti sulle etichette di oltre 120 mila prodotti, la quota dei prodotti di largo consumo che danno indicazioni sulla riciclabilità del packaging è aumentata del 3%, rispetto al 2020, coinvolgendo il 30,1% delle referenze rilevate. “La sostenibilità per noi è una vera e propria visione di marca e per questo abbiamo deciso di investirci con impegno e convinzione”, ha dichiarato Mauro Frantellizzi, direttore marketing Galbani Cheese. I consumatori, d’altronde, sono sempre più orientati a scegliere i prodotti anche in base alla sostenibilità e circolarità del pack e la plastica, fra tutti gli imballi, è quello senza dubbio meno apprezzato.

Questo intervento segue altre modifiche del pack dei prodotti del Gruppo Lactalis: dalla riduzione di plastica sul formato Mozzarella Tris Vallelata, alla vaschetta in plastica riciclabile di Cuor di Ricotta Vallelata, Mozzarella 125 e 200 grammi. Inoltre, la gamma di Vallelata mozzarella vaccina, insieme allo Stracchino, si fregia del logo “Percorso Benessere Animale” poiché gli allevatori che forniscono il latte seguono un prootocollo per garantire il benessere animale in allevamento, con l’aiuto dei veterinari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.