cina
numeri, trend, fatti

Cina: giugno a tutto import per le principali materie prime

Quello di giugno è stato un altro mese forte per le importazioni dalla Cina, con quasi tutte le principali materie prime in rialzo e massicci aumenti dalla Nuova Zelanda, secondo l’analisi dei dati di Assocaseari. Il quadro di inizio anno è ancora più impressionante, nonostante il costante calo dell’infant formula.

cina

Mentre in Cina la maggior parte delle polveri ha continuato a crescere a giugno, le importazioni di siero di latte hanno mostrato il primo calo in 17 mesi (contro un forte giugno 2020) che potrebbe essere visto come un primo segno di stagnazione dopo mesi di impressionante aumento. I volumi cumulati per il primo semestre hanno mostrato un quadro molto positivo, tuttavia è interessante notare che il primo semestre 2020 ha visto l’inizio della ripresa a seguito dell’epidemia di Psa e che i volumi erano ancora al di sotto dei livelli del 2018 in quella fase. Guardando ai fornitori della Cina, Ue e Usa rappresentano quasi equamente la crescita, seguite da Turchia e Bielorussia. Supportate da una domanda in continua crescita, le importazioni di Smp e Wmp sono sulla buona strada per stabilire nuovi record nel 2021, con volumi di Wmp nel primo semestre ora al di sopra dei livelli del 2014. Sebbene la Nuova Zelanda rimanga il principale fornitore in Cina di Wmp (93%), copre solo il 42% del fabbisogno cinese di Smp. Ue (24%), Australia (16%) e Usa (8%) sono le altre fonti principali, con le ultime due che mostrano la migliore progressione nel primo semestre. Le importazioni di grassi sono aumentate a giugno poiché la forte crescita delle importazioni di burro ha compensato il calo dell’Amf. La Nuova Zelanda è stata il principale fornitore del burro aggiuntivo, mentre anche l’Ue e, in misura minore, l’Australia, hanno contribuito alla crescita nel primo semestre. Dopo una forte performance nel 2020, le importazioni di formaggio hanno continuato ad aumentare a giugno e nell’intero semestre. Come per molte altre materie prime, la crescita è principalmente imputabile alla Nuova Zelanda, seguita da Ue, Australia e Stati Uniti.

One thought on “Cina: giugno a tutto import per le principali materie prime

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *