latticini
trasformazione & dintorni

I grassi del latte riducono lo stress: lo studio del centro di ricerca Fonterra

Nuove conferme sull’importanza del latte per la salute umana e sul ruolo dei suoi grassi nella riduzione dello stress grazie allo studio condotto da Maher Fuad, ricercatore clinico presso il Centro di ricerca e sviluppo di Fonterra (FRDC), in merito all’impatto dell’integrazione di fosfolipidi Nutiani, provenienti dalla membrana del globulo di grasso del latte, sul benessere psicologico. I risultati di questo studio sacrano illustrati a Nantes, in Francia, nel corso della conferenza Issfa a Nantes, in Francia, prestigioso incontro internazionale che riunisce eminenti ricercatori, medici e nutrizionisti per discutere i progressi degli acidi grassi e dei lipidi.

Grassi del latte: i risultati della ricerca

In collaborazione con i team dell’Università di Auckland e dell’Università di Otago, Fuad ha condotto uno studio clinico di 12 settimane volto a studiare gli effetti dell’integrazione di fosfolipidi derivati dalla membrana del globulo di grasso del latte sul benessere mentale in adulti sani che affrontano uno stress moderato. I risultati preliminari dello studio sono molto incoraggianti. I partecipanti che hanno ricevuto l’integrazione di Nutiani Phospholipids, infatti, hanno sperimentato riduzioni significative dei livelli di stress rispetto a quelli del gruppo placebo. Inoltre, ci sono indicazioni promettenti che l’integrazione di fosfolipidi possa portare alla riduzione dell’ansia dopo 12 settimane di assunzione.

A differenza delle singole fonti di fosfolipidi, quelli Nutiani sono fosfolipidi ad ampio spettro, che contengono una gamma dei principali fosfolipidi e sfingolipidi, tra cui fosfatidilserina, fosfatidilcolina, fosfatidiletanolammina, fosfatidilinositolo e sfingomielina. Ognuno di questi è presente in una concentrazione simile a quella del cervello umano.

Questi risultati hanno implicazioni significative per il campo della salute mentale, poiché milioni di persone in tutto il mondo sono alle prese con il problema dello stress. La presentazione al Congresso ISSFAL fornirà ulteriori approfondimenti sul potenziale dei fosfolipidi ad ampio spettro per migliorare il benessere psicologico.