latticini
trasformazione & dintorni

Che latticini vogliono i consumatori? L’indagine realizzata nel Regno Unito su formaggi, burro, yogurt e latte

Cosa cercano nei latticini i consumatori? Kubi Kalloo, società di consulenza, ha cercato di rispondere a questa domanda con uno studio condotto su circa 2mila persone, presentando i risultati in un webinar Bord Bia sui latticini nel Regno Unito. Un’istantanea del presente del settore lattiero-caseario che può utilizzata per capire il futuro.

Non sorprende che, secondo l’indagine, il consumatore medio sia un po’ preoccupato ultimamente. Uno dei ricercatori ha osservato: “Per quanto riguarda il cibo, negli ultimi due o tre anni in particolare, c’è stata un’esplosione di complessità nella scelta di ciò che mangiamo e di come ci prendiamo cura di noi stessi. Vi è conflitto, ansia personale e incertezza in relazione alla nostra vita quotidiana e anche al modo in cui i consumatori parlano delle loro scelte alimentari quotidiane”. A seconda di dove si trovavano i consumatori nella loro fascia di età, o si preoccupavano di procurare ai propri figli i prodotti migliori, più giocosi e nutrienti, oppure di acquistare generi alimentari con un buon rapporto qualità-prezzo. “Tuttavia, l’idea dell’ansia da cibo ci ha fatto sedere e pensare”. Nella gestione dell’ansia alimentare, per i consumatori più giovani, si tratta di prendersi cura di se stessi, mentre per i più anziani di nutrire le famiglie e gestire i budget.

I latticini nella percezione del consumatore. Che ama lo yogurt greco, il burro e i formaggi. Ma trova noioso il latte

Nel complesso, i consumatori sono ancora in gran parte sostenitori dei latticini, con tre quarti che concordano sul fatto che sono una parte nutriente e deliziosa della dieta. Mentre il 18% afferma che i produttori di latte stanno contribuendo alla crisi climatica, un forte sostegno ai latticini è una pietra miliare per l’alimentazione quotidiana. È interessante notare che il più grande sentimento anti-lattiero-caseario derivava dall’idea che i latticini siano noiosi, e questo in particolare per il latte liquido. “Il sentimento anti-caseario non è guidato dalla sostenibilità o dai valori sociali ma dalla noia. È una richiesta da parte dei consumatori di fare di più e innovare di più, in particolare da parte dei consumatori più giovani. Il latte è iconico e buono ma un po’ noioso”.

Quanto ai prodotti a base vegetale, i consumatori coinvolti, in maggioranza, hanno acquistato latticini (78%), mentre il 21% ha acquistato sia prodotti lattiero-caseari che vegetali e l’1% ha acquistato solo bevande a base vegetale.

Per quanto riguarda il formaggio, risulta un apprezzamento complessivo: la gente ama il formaggio e non lo considera noioso. “Allo stesso modo, non è visto come nutrizionale. Ma questa è una categoria fantastica per sapori e intensità e c’è opportunità di miglioramento e qualità. Il burro, nel frattempo, ha visto una rinascita nella categoria degli spalmabili. “È tornato nei frigoriferi delle persone e cucinare con il burro ha superato tutte le negatività e rivendica il diritto di vincere sul gusto”, spiegano i ricercatori di Kubi Kalloo. In questo segmento hanno avuto la meglio i prodotti di marca. Sta catturando l’immaginazione delle persone, essendo anche qualcosa di nuovo con una base tradizionale. Nello yogurt, il greco ha completamente reinventato la categoria, vincendo con una combinazione di slancio e penetrazione. È usato per preparare prelibatezze e nella cucina salata ed è allo stesso tempo moderno e progressista. Gli yogurt vegani non hanno avuto lo stesso impatto.

Per quanto riguarda il packaging, l’aggiunta di dettagli sulle pratiche alimentari e su altre questioni legate all’agricoltura, come le pratiche rigenerative, richiedono un’educazione dei consumatori. Insomma, non si può semplicemente metterlo sulla confezione e aspettarsi che i consumatori comprendano.

One thought on “Che latticini vogliono i consumatori? L’indagine realizzata nel Regno Unito su formaggi, burro, yogurt e latte

  1. Per quanto riguarda i formaggi, esiste l’aspetto “colesterolo” sempre più pressante nella nostra società opulenta. Si salvano solo la ricotta, il quartirolo, e il primo sale, poi forse qualche altro.
    Concordo invece sullo yogurt greco, specie quello a contenuto di grassi 0%.

Comments are closed.