SuperMercato

Coop Italia: il nostro prodotto è un salvagente per i consumatori. Ma adesso deve intervenire il governo

Il prodotto a marchio come un vero e proprio salvagente per i consumatori, chiamati oggi a confrontarsi con la crisi dei prezzi innescata prima dalla scarsità di materie prime post pandemia e poi dalla guerra in Ucraina. È questo il pensiero che accompagna Coop Italia a Marca nell’edizione 2022 che riporta i più importanti attori della distribuzione che operano nel nostro paese al salone bolognese, dopo lo stop del 2021 dovuto all’emergenza sanitaria.

“In tutti i momenti di difficoltà economica i consumatori hanno utilizzato il prodotto a marchio come uno strumento per affrontare il loro ridotto potere di acquisto”, spiega così Marco Pedroni, presidente Coop Italia e Ancc-Coop (Associazione Nazionale Cooperative di Consumatori). “Sia in pandemia quindi che in questa fase il prodotto a marchio sta incrementando la propria quota di vendita proponendo prodotti sempre più evoluti, articolati, buoni e a prezzi vantaggiosi”.

Nato più di 70 anni fa, il prodotto a marchio Coop, anche nel 2021, ha proseguito il suo percorso di ridefinizione, portando sugli scaffali tutta la nuova offerta dei ‘rossi’ (la linea di pomodori e derivati) e mantenendo intatta la propria adesione ai valori fondanti la cooperazione di consumo: il miglior prodotto possibile, al giusto prezzo. I risultati premiano Coop Italia: la crescita dei volumi nei primi due mesi per la nuova linea segna un +35% di vendite. Complessivamente la quota del prodotto Mdd dell’insegna si aggira intorno al 30% con un fatturato di circa 3 miliardi, di cui circa il 40% proviene da filiere a completa tracciabilità.

Continuano a dare ottimi risultati le linee storiche Viviverde (che comprende il bio e l’ecologico), Fiorfiore (l’eccellenza gastronomica) e BeneSì (i prodotti salutistici) che crescono a due cifre; come buoni risultati sta dando la linea Origine (caratterizzata da tracciabilità totale della filiera).

“L’inflazione, partita a metà del 2021, ha subito una grande accelerazione dovuta alla guerra, per questo dobbiamo aspettarci una crescita dei prezzi anche nei prossimi mesi. Al momento abbiamo trasferito sui consumatori non più di 2 punti e mezzo degli aumenti che in realtà, nei listini, hanno raggiunto anche il 10-12%. Capiamo che per ora il governo sia intervenuto in soccorso delle famiglie solo sui beni energetici, ma ora è il momento di pensare agli altri beni di prima necessità come quelli alimentari, magari attraverso una mirata e temporanea sterilizzazione dell’Iva. Sappiamo che in questa fase non si può solo chiedere al governo, ma noi ci stiamo già mettendo la nostra parte e siamo coscienti che da soli non riusciremo a preservare il potere di acquisto delle famiglie, soprattutto di quelle più povere e quindi più esposte a questi rincari”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.