trasformazione & dintorni

Milcobel, l’Asia e la mozzarella

La belga Milcobel, nell’approssimarsi di Gulfood 2022, diffonde una nota sulle novità per il comparto mozzarella, con focus specifico sul mercato asiatico. Sicuramente una notizia che potrebbe rientrare nella categoria: occasioni da non perdere. Una tradizione italiana della quale tutti farebbero volentieri a meno ma che, per molte ragioni, sembra inossidabile, è infatti quella di non cogliere, o cogliere solo parzialmente, le autostrade aperte da alcuni nostri prodotti che non hanno eguali, per caratteristiche e apprezzamento. E la mozzarella, senza dubbio, è uno di questi. E il mercato asiatico sembra in assoluto la più promettente delle destinazioni, per il futuro. Sono già molte le aziende che, in diverse misure, hanno approcciato i mercati asiatici, anche con prodotti realizzati ad hoc, magari con poli produttivi locali. Ma senza dubbio è necessario lavorare ancora di più per comprendere quali siano le strategie e adattare l’offerta a mercati che, senza dubbio, hanno la pizza come primo veicolo per la più fresca delle paste filate.

Nel comunicato, Milcobel scrive che la sua mozzarella, prodotta a Langemark, nelle Fiandre occidentali, è sempre più ricercata da produttori di pizza, catene di fast food, trasformatori e distributori del settore della ristorazione, grazie all’equilibrio tra consistenza ed elasticità e al modo in cui fonde. Ma, soprattutto, spiega che: “sebbene la mozzarella non sia attualmente l’ingrediente di formaggio più utilizzato in Europa, l’azienda guarda all‘Oriente per nuove applicazioni e mercati promettenti per lo sviluppo futuro di questo business. Le giovani generazioni asiatiche sempre più benestanti, infatti, guidano la crescita della mozzarella in Asia”. Di qui l’esigenza di adattare prodotti e sviluppo ai gusti e alle necessità di mercati diversi. Per questo, spiega la nota, il team di ricerca e sviluppo Milcobel, con il supporto del nuovo centro di innovazione di Langmark, lavorerà nella direzione di migliorare lo sviluppo a vantaggio dei propri clienti.

Micolbel, dal 2017, conta su un sito produttivo a Langemark con due linee focalizzate al 100% sulla produzione di mozzarella, con una produzione annua di oltre 60mila tonnellate. Prodotta con latte vaccino al 100%, è disponibile in molti formati e specifiche, secondo le esigenze dei clienti. Recentemente, inoltre, Milcobel ha acquisito Kaasbrik, noto player nel segmento dei formaggi grattugiati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.