trasformazione & dintorni

Pecorino Romano: vendite in crescita nel 2024 (+7%)

Buone notizie per il Pecorino Romano Dop. Nel primo quadrimestre 2024 le vendite sono cresciute del 7% dopo un 2023 da record, con una produzione pari a 360mila quintali ma soprattutto un prezzo di vendita all’ingrosso mai raggiunto: 14,05 euro, con un incremento del prezzo medio annuale, rispetto al 2022, del 16,5%. Secondo i dati Clal, dal 1° ottobre 2023 al 31 marzo 2024 la produzione di Pecorino Romano è già attestata a 19.091 tonnellate, l’11,1% in più rispetto allo stesso periodo della campagna lattiero casearia 2022-2023.

Sono i numeri del Pecorino Romano Dop messi in evidenza nel corso del Cibus, dove il Consorzio di tutela del Pecorino Romano Dop era presente con uno stand dove oltre 2mila sono stati i piatti serviti dallo chef Matteo Barbarossa, oltre 100 le pinse sfornate e servite ancora calde, 100 i chili di prodotto grattugiato utilizzato e oltre 60 quelli di formaggio degustato in purezza. “Al Cibus abbiamo iniziato il percorso del nuovo triennio del progetto Italia-Germania con l’obiettivo di crescere ancora su quei mercati”, spiega il presidente del Consorzio, Gianni Maoddi. “Il Pecorino Romano sta vivendo un ottimo momento di stabilità, fa numeri eccellenti. Con i nuovi progetti per il 2024 mettiamo in campo attività promozionali e di comunicazione importanti, oltre a quello già citato siamo sul mercato degli Stati Uniti, dove ci sono ancora tantissimi spazi di crescita, in Giappone, nel Regno Unito e in Svizzera, e si sta programmando un intervento sul mercato canadese”.

“In questo momento – sottolinea il direttore generale del Consorzio Riccardo Pastore – molto interessanti sono sicuramente quelli asiatici. Stiamo collaborando con altri consorzi per valorizzare reciprocamente i prodotti, per esempio ci interessa l’abbinamento con i vini, e stiamo valutando anche un progetto che riguarda la proposta del Pecorino Romano all’interno dei Cocktail Party. E poi c’è il progetto della pinsa, che abbiamo lanciato a Los Angeles e che porteremo anche a New York”.