numeri, trend, fatti

La Cina continua ad accumulare cereali e semi oleosi. Anche con i prezzi in rialzo

La Cina non sembra frenare le importazioni di cereali e semi oleosi, nonostante i prezzi internazionali di mais, frumento tenero e soia abbiano ripreso una decisa tendenza in aumento, come spiega l’analisi di Teseo.it. Secondo il team di esperti del mercato agricolo mondiale, le quantità importate tra gennaio e febbraio 2022 sono infatti stabili rispetto all’anno precedente (cereali +0%, semi oleosi +2,4%).

Prosegue, quindi, la politica di accumulo degli stock avviata a metà 2020, anche se con alcune differenze. Per quanto riguarda i cereali, frenano le importazioni di orzo e frumento duro, compensate da incrementi nelle quantità di frumento tenero, riso, crusca e avena. La scelta di spostarsi su altri prodotti è probabilmente dettata dalle maggiorazioni sui prezzi, che non hanno risparmiato il mercato cinese, aumentando il valore complessivo delle importazioni di cereali del 23,4% tra gennaio e febbraio 2022, rispetto allo stesso periodo del 2021. Il mais rimane il principale prodotto importato, con quantità stabili, ma, essendo l’Ucraina il primo fornitore, la Cina dovrà cercare fonti alternative o ridurre gli acquisti.

Il trade dei semi oleosi vede un leggero aumento nelle importazioni di semi di soia (+4%), in particolare dal Brasile, che compensa il calo complessivo che ha caratterizzato gli altri prodotti. Infatti, rispetto a gennaio-febbraio 2021, diminuiscono le importazioni di colza, arachidi, girasole e farina di soia. L’aumento generalizzato dei prezzi non si è tradotto, per il momento, in minori quantità complessive, ed ha innalzato il valore delle importazioni del 31%.

Dato l’ulteriore aumento dei prezzi che dovrebbe caratterizzare anche marzo, e le problematiche legate al reperimento di cereali dall’Ucraina e di soia e derivati dal Sud America, è possibile che la Cina rallenti le importazioni complessive e consumi maggiormente gli stock accumulati. Questo è auspicabile per i nostri mercati, in quanto la minore domanda internazionale alleggerirebbe le pressioni sui prezzi, tuttavia è più probabile che avvenga per il mais piuttosto che per la soia, dato che le produzioni cinesi di quest’ultima sono stimate in calo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *