trasformazione & dintorni

Sempre più spazio ai proteici negli scaffali della Gdo. Il latte c’è, ma non si vede

Una volta, si vendevano nelle catene di negozi sportivi. Avevano quella faccia un po’ così da beverone chimico per maniaci del bodybuilding ed erano relegati in qualche angolo insieme a barrette e giganteschi contenitori di polveri. Poi è arrivata la moda delle diete iperproteiche e sono arrivati i social, dove tutto ciò che ha davanti la parola ‘protein’ spopola, soprattutto in certi gruppi. Poi questi prodotti hanno iniziato a comparire anche negli scaffali della Gdo, in sempre maggior numero. Oggi, scorrendo i post dei gruppi di recensione prodotti, dei supermercati e dei discount, se ne vede il successo crescente. I post che li riguardano sono sempre di più e ne vengono decantate la bontà, l’assenza di grassi e, ovviamente, il contenuto di proteine. Ma il fenomeno non riguarda più solo chi fa attività sportiva: non è raro infatti leggere commenti (o vedere video) di chi li utilizza come spezzafame o addirittura come sostituito di pasti. Mostrando anche una certa confusione sul reale utilizzo per cui questi prodotti sarebbero concepiti.

Oltre al grande successo che stanno registrando, è interessante notare come chi commenta spesso non abbia alcuna idea di consumare un derivato del latte. Sulle confezioni, in realtà, l’indicazione che si trova e in qualche modo richiama il latte è solo quella dell’assenza di lattosio. Certo, nella lista ingredienti (che leggono in pochi, nonostante tutto) l’indicazione ovviamente c’è ed è ben chiara. Ma fra i tanti messaggi della confezione, che si soffermano sul contenuto di proteine, sull’assenza di grassi o di glutine e simili, non c’è traccia del latte, quasi fosse una cosa da nascondere. E vedendo i commenti di chi li consuma, se ne capisce anche la ragione. Sì, il latte c’è ma non si vede ed è quello che, ahimè, vuole una parte dei consumatori.

Un segnale sicuramente preoccupante che non fa che rimarcare un dato sempre più drammatico: c’è bisogno di correre ai ripari in tema di comunicazione, per il mondo del latte. Ed è sempre più urgente.

2 thoughts on “Sempre più spazio ai proteici negli scaffali della Gdo. Il latte c’è, ma non si vede

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *