trasformazione & dintorni

Brazzale porta la ricerca scientifica in azienda. Nasce BSC, un centro interno che lavora con l’Università di Milano

Il tema della nutrizione sta diventando sempre più importante e sempre più pericoloso per chi opera nel settore agroalimentare. Lungi dall’essere un contributo scientifico capace di aiutare il consumatore nelle sue scelte e orientare il mondo produttivo finisce spesso per essere, nella migliore delle ipotesi, semplice chiacchiericcio. O, peggio ancora, si concretizza in strumenti perversi come il Nutriscore. Che fare, allora?

Brazzale prova a rispondere a questo interrogativo con una iniziativa senza precedenti: portare la ricerca scientifica universitaria direttamente in azienda, istituendo un centro di ricerca – il Brazzale Science Nutrition & Food Research Center (BSC) – con sede a Zanè, nel quartier generale del Gruppo. BSC, grazie alla collaborazione scientifica con l’Università degli Studi di Milano (UniMi) e per essa con i Laboratori di Ricerche Analitiche e Tecnologiche su Alimenti e Ambiente (FERL – Food & Environmental Research Laboratories) del Dipartimento Di.S.A.A., ha l’obiettivo di sviluppare analisi e ricerche, condotte secondo le più avanzate conoscenze scientifiche, sul mondo dell’alimentazione e della nutrizione, con particolare riguardo ovviamente al settore lattiero caseario. Gli obiettivi di BSC hanno infatti un comune denominatore: valorizzare il ruolo del latte e dei suoi derivati, approfondendone la conoscenza scientifica sotto l’aspetto nutrizionale, ambientale, sociale ed economico. E proprio rispetto al tema dell’informazione nutrizionale, BSC si propone di contribuire alla chiarezza grazie a studi sugli aspetti compositivi, nutrizionali e sensoriali dei prodotti Brazzale e degli altri presenti sul mercato, anche in funzione delle tecnologie di produzione e trasformazione adottate. Perché una corretta alimentazione è la chiave per vivere bene e prevenire lo sviluppo di molte patologie ed è anche la via per operare le proprie scelte di consumatori in modo coerente con la propria visione del mondo.

A sovrintendere l’attività del Brazzale Science Nutrition & Food Research Center saranno Roberto Brazzale e Piercristiano Brazzale con le competenze tecnologiche – nutrizionali ed analitiche del direttore scientifico, Prof. Fernando Tateo, coadiuvato della Prof.ssa Monica Bononi (UniMi). L’attività di coordinamento è affidata alla Dott.ssa Laura Boscolo (Brazzale).

“L’approccio scientifico di alto profilo alle tematiche legate alle produzioni alimentari ed alla nutrizione è un passo non ulteriormente dilazionabile. Il consumatore ha posto al nostro mondo nuove istanze, sempre più sentite, in materia di ambiente, benessere animale, salute. Da vent’anni il nostro gruppo, con spirito innovativo e determinazione, ha rivoluzionato ogni propria attività per dare a quelle istanze una risposta concreta e senza compromessi, raggiungendo primati assoluti come il Carbon Neutral, la Filiera Ecosostenibile, il Waterfootprint Gran Moravia, le Nutriclip e l’Etichetta di Filiera”, spiega Roberto Brazzale, presidente del Gruppo

“Siamo entusiasti all’idea di rispondere a queste continue sfide poste dal consumatore portando al più avanzato grado di evoluzione i prodotti della nostra tradizione e i processi con cui li realizziamo. L’alto profilo scientifico garantito dallo staff del Prof. Tateo e della Prof.ssa Bonomi promette di generare, fin da subito, frutti preziosi che permetteranno di orientare la nostra attività quotidiana con una sempre maggiore conoscenza, che intendiamo condividere con il consumatore ed il mercato. Siamo onorati dell’avvio di questo formidabile progetto. In un momento così importante il mio pensiero va al nostro caro papà Tino, amante della verità e refrattario alle convenzioni. Ai suoi corposi studi universitari di chimico industriale, al suo laboratorio di analisi di Zanè, al suo amore per la scienza e per la razionalità”.

Cos’è il Brazzale Science Nutrition & Food Research Center

BSC è un dipartimento interno dell’azienda, con un’autonoma struttura di personale e risorse, che si occupa di svolgere ricerca scientifica applicata alle attività produttive e ai prodotti Brazzale, anche con l’analisi di quanto già presente sul mercato. L’obiettivo di BSC, che lavorerà in stretto contatto con le funzioni di Ricerca e Sviluppo del gruppo, è anche quello di formare e informare l’azienda e il suo personale, con corsi e giornate dedicate in tutti i reparti, ma anche i consumatori, attraverso pubblicazioni e convegni e con un sito che ospiterà testi e documenti sulle attività e le ricerche scientifiche del centro (www.brazzalesc.com).

Tra le attività di ricerca previste per i prossimi mesi, vi sono molti argomenti ‘scottanti’. Dagli effetti sulla composizione e qualità dei grassi dell’utilizzo di latte fresco di raccolta per la produzione di burro di centrifuga, al focus sull’eccezionale spalmabilità del Burro Superiore Fratelli Brazzale in rapporto alla sua particolare produzione; dal ruolo degli isotopi come indicatore della qualità dei formaggi e dei foraggi utilizzati in allevamento agli effetti di un determinato microclima sulla stagionatura dei formaggi grana, con indagini sulla salubrità dei prodotti in commercio in relazione ad inquinanti e tossine e al loro rapporto con il clima. 

2 thoughts on “Brazzale porta la ricerca scientifica in azienda. Nasce BSC, un centro interno che lavora con l’Università di Milano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *